mercoledì 23 dicembre 2015

I tuoi annunci immobiliari saranno anche su Trovit




La forza di Trovit per rendere ancora più visibili le offerte immobiliari dei nostri utenti.
Con questa nuova importante collaborazione le offerte  pubblicate su iCase.it verranno indicizzate sul motore di ricerca per gli annunci di case Trovit.
Per iCase.it, le collaborazioni con gli altri operatori web del settore immobiliare sono un'importante strada da seguire. Non vogliamo essere l'ennesimo competitor dei molti siti immobiliari presenti in rete, ma un vero punto d'incontro e di condivisione.
Ed è per questa ragione che oggi, con questo breve editoriale, ringraziamo gli amici di Trovit.

La redazione di iCase.it

giovedì 17 settembre 2015

La casa ecologica: Il sughero per l'isolamento termoacustico


Oggi affrontiamo il terzo capitolo dedicato alla "casa ecologica" ed in particolare all'utilizzo del sughero come eccellente isolante termico ed acustico. Il sughero è un materiale che ha conquistato un posto fondamentale nell'edilizia ecologica : non ha odori, è atossico , asettico, non dà luogo ad allergie, non marcisce ed infine è antistatico.
Inoltre, questo materiale presenta una resistenza all'usura generata dal tempo straordinaria; non è facilmente incendiabile, non attira insetti e roditori ed è facilmente rigenerabile dall'uomo generando notevoli benefici anche dal punto di vista ambientale.
Un'altra importante funzione del sughero è la regolazione dell'umidità all'interno degli ambienti abitativi contribuendo al benessere di vivere in una casa sana.



Bisogna prestare, invece, molta attenzione alla scelta dei collanti necessari per l'installazione dei pannelli di sughero. Esistono collanti da preferire e collanti da evitare come ad esempio quelli sintetici che hanno un'elevata tossicità. Dobbiamo ricordarci che una caratteristica importante del sughero è il fatto che "respira" e quindi l'utilizzo di collanti sbagliati può danneggiarlo.
I collanti da utilizzare preferibilmente sono colle poliuretaniche, utilizzate anche in ambito alimentare per la produzione di tappi di sughero di vino.

lunedì 14 settembre 2015

La casa ecologica: vernici e pitture naturali



Quando si decide di pitturare le pareti, invece delle solite pitture inquinanti, si possono utilizzare quelle bioecologiche e atossiche, prive delle sostanze derivate da sintesi petrolchimica.
Le pitture ecologiche possono essere impiegate in tutte le tipologie di case, da quelle nuove a quelle meno recenti. Le case più vecchie infatti erano costruite senza attenzione all'ecologia e si può quindi intervenire per renderle più ecologiche.
E' stato calcolato che i composti chimici che danno luogo a coloranti e pigmenti organici di sintesi petrolchimica sono oltre 2000 e che qualora queste sostanze siano maggiori o uguali allo 0,1% del prodotto finito, quest'ultimo è da considerarsi a rischio di attività cancerogena o di altri danni al benessere del nostro organismo.
Le vernici e le pitture tradizionali , con il tempo possono rilasciare composti tossici specialmente in ambienti dove è assente il ricambio dell' aria, inquinando così i luoghi dove viviamo.
Uno dei requisiti principali per intonaci , pitture e vernici è proprio quello di lasciar traspirare la superficie su cui vengono applicati perché le pareti devono poter funzionare da filtri naturali dell'aria e svolgere una funzione equilibratrice dell'umidità. Ne consegue quindi che le pitture e le vernici ecologiche sono un'ottima soluzione a questo problema.
Le miscele per la realizzazione di pitture e vernici ecologiche possono essere fatte con calce, oli, cere, estratti vegetali, terre coloranti e persino latte, uovo e derivati: tutti elementi naturali ed a bassissimo impatto ambientale, sicuri sia per chi vive in casa e sia per chi li utilizza.
Pensiamo alla tempera e ai suoi bellissimi colori ottenuti mescolando alle terre naturali il gesso; alla pittura a calce con il vantaggio di essere traspirante, igienica , non teme l'umidità  e si può colorare con con terre e ossidi; al marmorino, traspirante, lavabile, impermeabile con il quale si possono realizzare pareti dal colore uniforme o sfumato, con superficie liscia o granulosa.
E' oggi disponibile sul mercato una vasta gamma di tinte ecologiche permettendo a tutti di realizzare una casa ecologica e ottenere ambienti piacevoli senza danneggiare la propria salute.

venerdì 11 settembre 2015

La casa ecologica : salute e ambiente con materiali naturali




Le case ecologiche rispondono sempre di più alle esigenze di sostenibilità dell'ambiente e del territorio ed anche grazie a incentivi e detrazioni fiscali stanno diventando un bene sempre più prezioso. L'aumento del valore degli immobili dovuto a ristrutturazioni energetiche ed il risparmio sulle bollette stanno mettendo in luce i difetti e l'inadeguatezza degli edifici costruiti al di fuori dei canoni della bioedilizia.
Un altro fattore da considerare è l'inquinamento tra le mura domestiche, spesso invisibile, come ad esempio l'elettrosmog.
Oggi sappiamo che il rispetto dell'ambiente equivale al rispetto per la nostra salute e che le risorse energetiche del nostro pianeta si stanno esaurendo generando la necessità di farne risparmio. Diventa quindi sempre più importante mettere in atto rimedi che non ci danneggino e che aumentino il nostro benessere consentendoci infine di risparmiare denaro. Una maggiore attenzione verso l'edilizia abitativa che va nella direzione delle tematiche ambientali, non può più essere un fatto marginale:
l'utilizzo di materiali naturali, l'installazione di impianti a risparmio energetico, la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.
Gli argomenti che verranno trattati nei prossimi giorni su su questo blog relativamente alle case ecologiche saranno:

Gli intonaci di argilla
Le vernici e pitture ecologiche
Il sughero per l'isolamento termoacustico
Il legno come materiale da costruzione

Oggi, iniziamo con il capitolo degli intonaci di argilla. Non c'è dubbio che l'argilla sia al primo posto tra i materiali naturali per la realizzazione di intonaci e quello che sembrava essere un materiale "del passato" risulta essere invece qualcosa di innovativo anche per il XXI secolo.
Gli intonaci di argilla hanno proprietà e vantaggi importanti perché migliorano il microclima degli ambienti abitativi. In inverno riscaldano i locali accumulando il calore, sono un ottimo filtro per alcune sostanze tossiche, non causano allergie, sono fonoassorbenti, sono inodore e combattono gli odori forti. In commercio esistono sistemi di riscaldamento radiante a parete con intonaco in argilla capaci di unire tutti i vantaggi dei sistemi radianti a quelli degli intonaci in argilla.
Grazie ad alcuni esperimenti mirati è stato dimostrato che l'argilla è in grado di assorbire una quantità di acqua fino a 10 volte superiore rispetto ad un comune intonaco.
Da non sottovalutare inoltre che i pannelli d'argilla nati per il riscaldamento radiante se vengono attraversati da un fluido freddo producono un efficace sistema di raffrescamento radiante, semplicemente abbassando le temperature delle superfici delle pareti.
Una maggiore purificazione degli ambienti, infine, è ottenuta dalla capacità dell'argilla di assorbire e neutralizzare odori, fumo e sostanze nocive per la salute.

martedì 1 settembre 2015

Scopri i vantaggi di essere sul sito di annunci immobiliari iCase.it




Hai un'agenzia immobiliare o un'impresa costruttrice? Inseriscila gratuitamente per aumentare la tua visibilità su iCase.it, il sito di annunci immobiliari più grande d'Italia.
Con pochi click sarai anche su altri 20 siti partner di settore.Grazie alla tecnologia iCase | Tuttiportali che ti permette di ottenere una grande visibilità su Internet. Questa funzione ti consente di caricare gli annunci una sola volta. Sarà il nostro sistema a pubblicarli e replicarli sui portali partner in modo automatico.




E grazie alla versione mobile e alle APP per smartphone iCase.it la tua attività sarà visibile in pochi minuti su iPhone, Android, Windows Phone e molto altro.


Raggiunti nuovi clienti. Ogni mese  300.000 utenti cercano case in vendita, uffici in affitto e terreni su iCase.it.
Vuoi farti trovare più velocemente dagli utenti? Inserisci con cura indirizzo, telefono, email, sito web e logo della tua attività.
Grazie alla nostra piattaforma professionale di analisi dei dati puoi monitorare con precisione l'andamento delle tue offerte immobiliari, il numero di visite e di contatti ottenuti da ciascun annuncio che hai pubblicato.



La tua Attività online in pochi click!
Inserisci la tua Attività su iCase.it e raggiungi più clienti.

venerdì 28 agosto 2015

Le prime 10 città dove si cerca casa. Al primo posto c'è Roma


Secondo i dati riportati dal sito di annunci immobiliari www.icase.it la città italiana dove si cerca maggiormente casa è Roma. Il dato non stupisce considerando che la capitale è anche il comune con la maggiore popolazione grazie ai suoi 2.872.021 abitanti ( fonte Istituto Nazionale di Statistica ISTAT aggiornati al 31 dicembre 2014). La seconda città per numero di ricerche immobiliari è Milano con i suoi 1.338.264 abitanti. Milano risulta essere anche il secondo comune italiano per numero di abitanti dopo Roma. Al terzo posto sul podio troviamo infine la città di Napoli, comune italiano di 977.264 abitanti e terza in Italia per popolazione.

Di seguito le prime 10 città italiane per visite sul sito di annunci immobiliari iCase.it

1. Roma
2. Milano
3. Napoli
4. Genova
5. Bologna 
6. Torino
7. Firenze
8. Udine 
9. Parma
10. Modena


domenica 7 giugno 2015

Ricetta estiva della Domenica sera : Frittata alla menta



Una ricetta semplice ma gustosa da preparare in circa 5 minuti . La frittata con l'aggiunta della menta per rendere il piatto ancora più fresco e ideale per una cena in una serata di caldo estivo.

Ingredienti :
  • Foglie di menta
  • Pecorino grattugiato 
  • Pan grattato
  • 4 uova 
  • Sale
  • Olio extravergine di oliva
Grazie al video realizzato da Sicilianfoodhome.com potete seguire la preparazione della ricetta.

martedì 3 febbraio 2015

Prorogate le detrazioni del 50% e 65% per le spese di riqualificazione energetica




Con la pubblicazione della Legge di Stabilità vengono prorogate disposizioni incentivanti per il settore edilizio. Avranno tempo per sostenere le spese fino al 31 Dicembre 2015 i contribuenti che intendono beneficiare delle detrazioni del 50% per il recupero del patrimonio edilizio e del 65% per le spese di riqualificazione energetica degli edifici.
Possono godere della detrazione Irpef del 50% i possessori di immobili residenziali per gli interventi di manutenzione straordinaria, di restauro, risanamento conservativo e e ristrutturazione edilizia.
La detrazione Irpef del 50% fino ad una spesa massima di 96.000 Euro per singola unità immobiliare residenziale, finalizzata ad incentivare il recupero del patrimonio edilizio,  è stata prorogata alle spese sostenute entro Dicembre 2015.
Fino a Dicembre 2015 è stato confermato anche il bonus arredi: per l'acquisto di arredi fissi, mobili e grandi elettrodomestici destinati all'immobile abitativo già oggetto di intervento di recupero edilizio è fruibile una detrazione Irpef pari al 50% nel limite di spesa di 10.000 Euro.
La detrazione Irpef/Ires del 65% per le spese di riqualificazione energetica degli edifici è stata prorogata anch'essa al 31 Dicembre 2015:

L'installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università. Il valore massimo della detrazione è di 60.000 Euro.

Interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione. La detrazione spetta fino a un valore massimo di 30.000 Euro.

Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 Euro.

Interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro.

domenica 1 febbraio 2015

Come si fanno le chiacchiere

Nel calendario di Febbraio 2015 ci sono diversi giorni in cui festeggiare come il giorno di San Valentino ed il giorno di Carnevale.



Nella ricetta di oggi vi proponiamo le chiacchiere, un tipico dolce di carnevale tutto italiano. Le chiacchiere hanno la forma simile ad una striscia, qualche volta manipolata fino a formare un nodo e sono fatte con un impasto di farina, che viene fritto o cotto al forno, ed infine spolverato con lo zucchero a velo.

Per realizzarle vi serviranno pochi ingredienti :

500 gr. farina 00
50 gr. burro
2 uova intere
100 gr. zucchero
1 cucchiaino di lievito per dolci
25 ml grappa o altro liquore
1 limone
1 pizzico di sale
vino bianco q.b.
olio per friggere
zucchero a velo

1. Fate la fontana con la farina e versatevi al centro le uova, lo zucchero, il sale, la grappa o il liquore scelto ed infine il burro a pezzetti. Lavorate il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo e abbastanza sodo. Fate una palla con la pasta, fasciatela con la pellicola alimentare e lasciatela riposare a temperatura ambiente per mezz'ora.

2. Riprendete la pasta che avete lasciato riposare ed appiattitela sulla spianatoia e stendetela non troppo sottile dello spessore di 2 mm con un mattarello.

3. Tagliate la pasta con una rotellina dentata e ricavatene delle strisce di 5 cm per 10 cm. Praticate su ognuna di esse due tagli centrali e paralleli per il lungo.

4. Ponete le strisce così ottenute (2 o 3 alla volta) in abbondante olio ben caldo (170-180 gradi), girandole su ambo i lati e stando attenti a non bruciarle.

5. Scolate le chiacchiere, mettetele a perdere l’eccesso di unto in un colapasta poi fatele raffreddare.

6. Infine trasferiamole in un piatto da portata e cospargiamole con zucchero a velo.

Il calendario di Febbraio 2015



mercoledì 28 gennaio 2015

Dieci regole per risparmiare sul riscaldamento di casa





Qualche consiglio su come risparmiare sul riscaldamento di casa senza rimanere al freddo è sempre ben accetto, soprattutto in un periodo di crisi economica come quello che stiamo vivendo oggi in Italia. Quindi, perché sprecare soldi ed inquinare quando possiamo ottenere lo stesso risultato ottenendo benefici per il proprio portafoglio, per l'ambiente e per la salute?

1. Evitare di tenere le finestre aperte per un arco di tempo prolungato per il ricambio dell'aria.
Sono sufficienti una decina di minuti al mattino così da non raffreddare  i locali facendo scendere troppo le temperature.

2. Mantenere la temperatura all'interno della propria casa ad un livello non superiore i 19/20 gradi. Una temperatura maggiore oltre a far aumentare i consumi potrebbe essere dannosa alla salute. Evitare quindi di indossare una t-shirt e poi puntare il termostato a 24 gradi.

3. Impostare la temperatura dell'acqua calda ad una temperatura intorno ai 45/50 gradi. Eviterete così uno spreco dei consumi e di scottarvi sotto la doccia.

4. Installare le valvole termostatiche ( obbligatorie entro la fine del 2016) per regolare i consumi nei diversi locali dell'abitazione. Si consiglia di tenere una temperatura inferiore durante la notte nei locali dove si dorme.

5. Mantenere tutti radiatori liberi da coperture di ogni genere: copritermosifoni, mobili o altri complementi d'arredo.

6. Per chi sta progettando la casa consigliamo di inserire diverse finestre e porte vetrate così da ottenere stanze luminose e ben riscaldate dagli apporti termici gratuiti del sole. Le finestre devono avere doppi vetri e un ottimo isolamento termico.

7. Installare  pannelli solari usufruendo degli incentivi economici (il 65% dei costi sostenuti può essere detratto dall’IRPEF).

8. Spurgate sempre l’aria dei radiatori per tenerli al massimo livello di efficienza

9. Eliminare gli spifferi. Dalle finestre e dalle porte, si disperde sempre una gran quantità di calore pertanto è opportuno regolare le cerniere e i cardini in modo che i battenti combacino perfettamente evitando di disperdere il calore.

10. Curare la manutenzione degli impianti con regolarità.