giovedì 5 gennaio 2017

10 consigli per vendere casa senza fare errori



Un articolo con 10 consigli efficaci per vendere casa nel minor tempo possibile senza fare errori

1. Il prezzo di vendita

La scelta migliore è quella di affidarsi ad una valutazione puntuale redatta da un professionista del settore che possa fornire una vera e propria perizia dell'immobile da mettere in vendita.Questa soluzione prevede certamente una spesa di qualche centinaia di Euro.
Altrimenti per muoverti in completa autonomia puoi fare qualche ricerca sui portali di annunci immobiliari cercando una casa con caratteristiche simili alla tua e ovviamente nella stessa zona. Cerca di proporti con un prezzo in linea con i valori di mercato, non fare l'errore di pubblicare la tua offerta con un prezzo troppo alto. Perché chi sta cercando casa dovrebbe scegliere proprio casa tua se esiste la possibilità di avere delle valide alternative a prezzi inferiori? Non correre il rischio di perdere un acquirente pensando di poter abbassare il prezzo successivamente, potresti aver già perso una vendita. Inoltre se sbagli platealmente il prezzo di vendita del tuo immobile aiuteresti gli altri a vendere, perché la tua casa sarà utilizzata come confronto negativo, mentre il miglior prezzo degli altri sarà visto come un'ottima opportunità per gli acquirenti.
Il prezzo, infine, è il filtro di ricerca più utilizzato da chi cerca casa online. Gli annunci che non lo riportano ricevono meno visualizzazioni.

2. Indicare la posizione dell'immobile

Indicare la posizione in cui si trova l'immobile segnalando l'indirizzo o la zona. Chi sta cercando casa mette ai primi posti la scelta della posizione: una via del centro, la vicinanza all'università o all'ospedale.La ricerca dell'immobile inizierà quindi selezionando l'area di maggiore interesse.

3. Utilizzare foto di qualità

Sembra incredibile ma praticamente nessuno investe nella realizzazione di fotografie di qualità per la vendita di un immobile, nemmeno i professionisti di settore sono propensi a questa pratica.
Invece le fotografie sono la prima cosa che le persone guardano quando stanno cercando casa.
Se non si ha la possibilità di rivolgersi ad un professionista assicurasi almeno di realizzare fotografie
in ambienti ordinati evitando le zone d'ombra, ordinare quindi le stanze e ritrarle il più possibile spersonalizzate, senza oggetti personali, così da riprodurre l'effetto di un catalogo.
Anche l'esterno dell'immobile è importante per la scelta di quest'ultimo. Non esiste un numero prestabilito ma un numero compreso tra le 10 e le 20 fotografie può essere sicuramente adeguato.

4. Inserire una descrizione completa 

Quando stai per pubblicare un annuncio assicurati di inserire una descrizione il più possibile completa e di qualità.
Indicare il numero dei locali, la loro disposizione e tutte le caratteristiche: cucina abitabile, numero dei bagni, la presenza o meno di balconi, la presenza di un ascensore, di un posto auto o di un garage, di una cantina. Fornire il tipo di riscaldamento presente, se autonomo o centralizzato. La presenza di un giardino e l'ubicazione dell'appartamento: se posizionato al piano terra o al quinto piano di un condominio.

5. Utilizzare i social network

Utilizzare i social network per promuovere il proprio immobile può essere una strategia efficace, ma anche il tradizionale passaparola funziona.

6. Valutare le condizioni dell'immobile

Prima di mettere in vendita il tuo immobile cerca di fare una valutazione imparziale delle sue condizioni. C'è qualche elemento che può essere da ostacolo alla vendita? Ad esempio se hai gli infissi troppo vecchi potresti scoraggiare le persone a scegliere casa tua. I pavimenti usurati, gli intonaci rovinati o il bagno con muffe o incrostazioni sono tutti elementi che possono "mandare all'aria" tutto.Valuta quindi di intervenire in anticipo su qualsiasi cosa possa compromettere la vendita del tuo immobile.Fare un piccolo investimento nella ristrutturazione della casa può esserti quindi d'aiuto nella vendita e nella giusta richiesta economica.

7. Preparazione dei documenti

Prima di sottoporre la casa ad un futuro compratore è consigliabile che tutto sia in regola; ciò rende molto più ambito l'immobile. La raccolta di tutti i documenti relativi all'immobile da vendere è molto importante sia in fase di trattativa sia per fare una corretta valutazione del prezzo di vendita.
I documenti principali sono: atto di provenienza, pianta e visura catastale, certificazione degli impianti, attestato di prestazione energetica, regolamento condominiale e le rispettive spese annuali da sostenere. Anche le spese di riscaldamento possono essere un dato interessante per l'acquirente.
Se l'immobile è locato è invece necessario fornire anche il contratto d'affitto.

8. Non firmare proposte d'acquisto vincolate all'ottenimento del mutuo

Evitare di firmare proposte di acquisto vincolate all'ottenimento del mutuo. Il rischio è quello di dover aspettare anche vari mesi prima della firma del contratto preliminare o del rogito, senza contare che si può rimanere anche con "un pugno di mosche". 

9. Come presentare la casa ai potenziali acquirenti

Quando i potenziali acquirenti visiteranno il tuo immobile inizieranno a immaginare la casa arredata con i propri oggetti, pensando alla propria vita trascorrere fra quelle mura. Se non riusciranno a immedesimarsi in questa situazione, perché la tua casa è piena di oggetti, oppure cosa ancora peggiore, sporca o eccessivamente particolare, probabilmente perderai la possibilità di chiudere l'affare. Il modo migliore di presentare la tua casa è quello di farla apparire pulita e il più possibile normale.

10. Filtrare le offerte

Bisogna essere in grado di distinguere tra quelli che realmente fanno un'offerta coerente ed in linea con i valori di mercato e quelli che fanno un’offerta troppo bassa. 
Capire se si ha a che fare con un possibile compratore o con un perditempo. I secondi sono ovviamente da evitare.

Sei un privato?



venerdì 9 settembre 2016

Qual è il miglior sito di Annunci Immobiliari in Italia? icase.it nella top 10




Pubblichiamo volentieri questo articolo scritto da SACT , sito specializzato nel creare classifiche dei migliori siti web nei diversi settori. Notiamo con piacere e condividiamo che nella classifica dei migliori siti di annunci immobiliari c'è il sito www.icase.it.


Qual è il miglior sito di Annunci Immobiliari in Italia?
Vendere ed affittare casa non è mai stato così semplice. Centinaia di siti internet offrono la possibilità a chiunque di diventare “virtualmente”, agente immobiliare della propria abitazione.

Anche se il mercato immobiliare ultimamente non sembra così in salute, i siti internet di annunci immobiliari stanno ottenendo un ottimo successo. Le agenzie immobiliari tradizionali devono fare i conti con l’avvento dell’affitto “fai-da-te“, infatti già da qualche anno, grazie a siti di annunci come Subito.it o Immobiliare.it mettere in affitto o in vendita la propria casa è più semplice di quanto si creda. Viceversa, acquistare o affittare casa diventa un gioco da ragazzi, basta entrare in uno di questi siti, cliccare sull’annuncio di nostro interesse e inviare una richiesta di prenotazione.

A dire il vero molte agenzie immobiliari si stanno già attrezzando. Sono molte le agenzie, specie nelle grosse città d’Italia, che dal classico sito internet vetrina si son viste costrette a realizzare dei veri e propri portali di annunci online. E’ il caso di Fontana Immobili di Lusso a Milano che vende e affitta case e uffici di pregio nel centro di Milano oppure di Gabetti.it che è attualmente uno dei migliori siti di annunci immobiliari della Capitale. In poche parole se siete un’agenzia immobiliare non potete fare a meno di realizzare il vostro portale internet di annunci, altrimenti prima o poi dovrete fare i conti con i siti della Top 10 che trovate di seguito.


1                       IMMOBILIARE.IT
2CASA.IT
3IDEALISTA
4ATTICO
5TROVACASA
6GABETTI
7PRENDICASA
8VIVASTREET
9ANNUNCI REPUBBLICA
10ICASE


Fonte: SACT http://www.sact.it/migliori-siti-annunci-immobiliari/

mercoledì 23 dicembre 2015

I tuoi annunci immobiliari saranno anche su Trovit




La forza di Trovit per rendere ancora più visibili le offerte immobiliari dei nostri utenti.
Con questa nuova importante collaborazione le offerte  pubblicate su iCase.it verranno indicizzate sul motore di ricerca per gli annunci di case Trovit.
Per iCase.it, le collaborazioni con gli altri operatori web del settore immobiliare sono un'importante strada da seguire. Non vogliamo essere l'ennesimo competitor dei molti siti immobiliari presenti in rete, ma un vero punto d'incontro e di condivisione.
Ed è per questa ragione che oggi, con questo breve editoriale, ringraziamo gli amici di Trovit.

La redazione di iCase.it

giovedì 17 settembre 2015

La casa ecologica: Il sughero per l'isolamento termoacustico


Oggi affrontiamo il terzo capitolo dedicato alla "casa ecologica" ed in particolare all'utilizzo del sughero come eccellente isolante termico ed acustico. Il sughero è un materiale che ha conquistato un posto fondamentale nell'edilizia ecologica : non ha odori, è atossico , asettico, non dà luogo ad allergie, non marcisce ed infine è antistatico.
Inoltre, questo materiale presenta una resistenza all'usura generata dal tempo straordinaria; non è facilmente incendiabile, non attira insetti e roditori ed è facilmente rigenerabile dall'uomo generando notevoli benefici anche dal punto di vista ambientale.
Un'altra importante funzione del sughero è la regolazione dell'umidità all'interno degli ambienti abitativi contribuendo al benessere di vivere in una casa sana.



Bisogna prestare, invece, molta attenzione alla scelta dei collanti necessari per l'installazione dei pannelli di sughero. Esistono collanti da preferire e collanti da evitare come ad esempio quelli sintetici che hanno un'elevata tossicità. Dobbiamo ricordarci che una caratteristica importante del sughero è il fatto che "respira" e quindi l'utilizzo di collanti sbagliati può danneggiarlo.
I collanti da utilizzare preferibilmente sono colle poliuretaniche, utilizzate anche in ambito alimentare per la produzione di tappi di sughero di vino.

lunedì 14 settembre 2015

La casa ecologica: vernici e pitture naturali



Quando si decide di pitturare le pareti, invece delle solite pitture inquinanti, si possono utilizzare quelle bioecologiche e atossiche, prive delle sostanze derivate da sintesi petrolchimica.
Le pitture ecologiche possono essere impiegate in tutte le tipologie di case, da quelle nuove a quelle meno recenti. Le case più vecchie infatti erano costruite senza attenzione all'ecologia e si può quindi intervenire per renderle più ecologiche.
E' stato calcolato che i composti chimici che danno luogo a coloranti e pigmenti organici di sintesi petrolchimica sono oltre 2000 e che qualora queste sostanze siano maggiori o uguali allo 0,1% del prodotto finito, quest'ultimo è da considerarsi a rischio di attività cancerogena o di altri danni al benessere del nostro organismo.
Le vernici e le pitture tradizionali , con il tempo possono rilasciare composti tossici specialmente in ambienti dove è assente il ricambio dell' aria, inquinando così i luoghi dove viviamo.
Uno dei requisiti principali per intonaci , pitture e vernici è proprio quello di lasciar traspirare la superficie su cui vengono applicati perché le pareti devono poter funzionare da filtri naturali dell'aria e svolgere una funzione equilibratrice dell'umidità. Ne consegue quindi che le pitture e le vernici ecologiche sono un'ottima soluzione a questo problema.
Le miscele per la realizzazione di pitture e vernici ecologiche possono essere fatte con calce, oli, cere, estratti vegetali, terre coloranti e persino latte, uovo e derivati: tutti elementi naturali ed a bassissimo impatto ambientale, sicuri sia per chi vive in casa e sia per chi li utilizza.
Pensiamo alla tempera e ai suoi bellissimi colori ottenuti mescolando alle terre naturali il gesso; alla pittura a calce con il vantaggio di essere traspirante, igienica , non teme l'umidità  e si può colorare con con terre e ossidi; al marmorino, traspirante, lavabile, impermeabile con il quale si possono realizzare pareti dal colore uniforme o sfumato, con superficie liscia o granulosa.
E' oggi disponibile sul mercato una vasta gamma di tinte ecologiche permettendo a tutti di realizzare una casa ecologica e ottenere ambienti piacevoli senza danneggiare la propria salute.

venerdì 11 settembre 2015

La casa ecologica : salute e ambiente con materiali naturali




Le case ecologiche rispondono sempre di più alle esigenze di sostenibilità dell'ambiente e del territorio ed anche grazie a incentivi e detrazioni fiscali stanno diventando un bene sempre più prezioso. L'aumento del valore degli immobili dovuto a ristrutturazioni energetiche ed il risparmio sulle bollette stanno mettendo in luce i difetti e l'inadeguatezza degli edifici costruiti al di fuori dei canoni della bioedilizia.
Un altro fattore da considerare è l'inquinamento tra le mura domestiche, spesso invisibile, come ad esempio l'elettrosmog.
Oggi sappiamo che il rispetto dell'ambiente equivale al rispetto per la nostra salute e che le risorse energetiche del nostro pianeta si stanno esaurendo generando la necessità di farne risparmio. Diventa quindi sempre più importante mettere in atto rimedi che non ci danneggino e che aumentino il nostro benessere consentendoci infine di risparmiare denaro. Una maggiore attenzione verso l'edilizia abitativa che va nella direzione delle tematiche ambientali, non può più essere un fatto marginale:
l'utilizzo di materiali naturali, l'installazione di impianti a risparmio energetico, la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.
Gli argomenti che verranno trattati nei prossimi giorni su su questo blog relativamente alle case ecologiche saranno:

Gli intonaci di argilla
Le vernici e pitture ecologiche
Il sughero per l'isolamento termoacustico
Il legno come materiale da costruzione

Oggi, iniziamo con il capitolo degli intonaci di argilla. Non c'è dubbio che l'argilla sia al primo posto tra i materiali naturali per la realizzazione di intonaci e quello che sembrava essere un materiale "del passato" risulta essere invece qualcosa di innovativo anche per il XXI secolo.
Gli intonaci di argilla hanno proprietà e vantaggi importanti perché migliorano il microclima degli ambienti abitativi. In inverno riscaldano i locali accumulando il calore, sono un ottimo filtro per alcune sostanze tossiche, non causano allergie, sono fonoassorbenti, sono inodore e combattono gli odori forti. In commercio esistono sistemi di riscaldamento radiante a parete con intonaco in argilla capaci di unire tutti i vantaggi dei sistemi radianti a quelli degli intonaci in argilla.
Grazie ad alcuni esperimenti mirati è stato dimostrato che l'argilla è in grado di assorbire una quantità di acqua fino a 10 volte superiore rispetto ad un comune intonaco.
Da non sottovalutare inoltre che i pannelli d'argilla nati per il riscaldamento radiante se vengono attraversati da un fluido freddo producono un efficace sistema di raffrescamento radiante, semplicemente abbassando le temperature delle superfici delle pareti.
Una maggiore purificazione degli ambienti, infine, è ottenuta dalla capacità dell'argilla di assorbire e neutralizzare odori, fumo e sostanze nocive per la salute.

martedì 1 settembre 2015

Scopri i vantaggi di essere sul sito di annunci immobiliari iCase.it




Hai un'agenzia immobiliare o un'impresa costruttrice? Inseriscila gratuitamente per aumentare la tua visibilità su iCase.it, il sito di annunci immobiliari più grande d'Italia.
Con pochi click sarai anche su altri 20 siti partner di settore.Grazie alla tecnologia iCase | Tuttiportali che ti permette di ottenere una grande visibilità su Internet. Questa funzione ti consente di caricare gli annunci una sola volta. Sarà il nostro sistema a pubblicarli e replicarli sui portali partner in modo automatico.




E grazie alla versione mobile e alle APP per smartphone iCase.it la tua attività sarà visibile in pochi minuti su iPhone, Android, Windows Phone e molto altro.


Raggiunti nuovi clienti. Ogni mese  300.000 utenti cercano case in vendita, uffici in affitto e terreni su iCase.it.
Vuoi farti trovare più velocemente dagli utenti? Inserisci con cura indirizzo, telefono, email, sito web e logo della tua attività.
Grazie alla nostra piattaforma professionale di analisi dei dati puoi monitorare con precisione l'andamento delle tue offerte immobiliari, il numero di visite e di contatti ottenuti da ciascun annuncio che hai pubblicato.



La tua Attività online in pochi click!
Inserisci la tua Attività su iCase.it e raggiungi più clienti.

venerdì 28 agosto 2015

Le prime 10 città dove si cerca casa. Al primo posto c'è Roma


Secondo i dati riportati dal sito di annunci immobiliari www.icase.it la città italiana dove si cerca maggiormente casa è Roma. Il dato non stupisce considerando che la capitale è anche il comune con la maggiore popolazione grazie ai suoi 2.872.021 abitanti ( fonte Istituto Nazionale di Statistica ISTAT aggiornati al 31 dicembre 2014). La seconda città per numero di ricerche immobiliari è Milano con i suoi 1.338.264 abitanti. Milano risulta essere anche il secondo comune italiano per numero di abitanti dopo Roma. Al terzo posto sul podio troviamo infine la città di Napoli, comune italiano di 977.264 abitanti e terza in Italia per popolazione.

Di seguito le prime 10 città italiane per visite sul sito di annunci immobiliari iCase.it

1. Roma
2. Milano
3. Napoli
4. Genova
5. Bologna 
6. Torino
7. Firenze
8. Udine 
9. Parma
10. Modena


domenica 7 giugno 2015

Ricetta estiva della Domenica sera : Frittata alla menta



Una ricetta semplice ma gustosa da preparare in circa 5 minuti . La frittata con l'aggiunta della menta per rendere il piatto ancora più fresco e ideale per una cena in una serata di caldo estivo.

Ingredienti :
  • Foglie di menta
  • Pecorino grattugiato 
  • Pan grattato
  • 4 uova 
  • Sale
  • Olio extravergine di oliva
Grazie al video realizzato da Sicilianfoodhome.com potete seguire la preparazione della ricetta.

martedì 3 febbraio 2015

Prorogate le detrazioni del 50% e 65% per le spese di riqualificazione energetica




Con la pubblicazione della Legge di Stabilità vengono prorogate disposizioni incentivanti per il settore edilizio. Avranno tempo per sostenere le spese fino al 31 Dicembre 2015 i contribuenti che intendono beneficiare delle detrazioni del 50% per il recupero del patrimonio edilizio e del 65% per le spese di riqualificazione energetica degli edifici.
Possono godere della detrazione Irpef del 50% i possessori di immobili residenziali per gli interventi di manutenzione straordinaria, di restauro, risanamento conservativo e e ristrutturazione edilizia.
La detrazione Irpef del 50% fino ad una spesa massima di 96.000 Euro per singola unità immobiliare residenziale, finalizzata ad incentivare il recupero del patrimonio edilizio,  è stata prorogata alle spese sostenute entro Dicembre 2015.
Fino a Dicembre 2015 è stato confermato anche il bonus arredi: per l'acquisto di arredi fissi, mobili e grandi elettrodomestici destinati all'immobile abitativo già oggetto di intervento di recupero edilizio è fruibile una detrazione Irpef pari al 50% nel limite di spesa di 10.000 Euro.
La detrazione Irpef/Ires del 65% per le spese di riqualificazione energetica degli edifici è stata prorogata anch'essa al 31 Dicembre 2015:

L'installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università. Il valore massimo della detrazione è di 60.000 Euro.

Interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione. La detrazione spetta fino a un valore massimo di 30.000 Euro.

Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 Euro.

Interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro.