Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2012

Una fredda Domenica in compagnia di una calda polenta

Immagine
Da sempre definita il "piatto dei poveri"la polenta sta alla base di molte delle ricette tipiche valtellinesi proprio grazie alla sua bontà e semplicità:
Per quattro persone vi serviranno: un litro di acqua, mezzo cucchiaio di olio extravergine di oliva, 300 g di farina mais e del sale.Fate bollire l'acqua con poco sale, unite la farina, frustate e cuocete per circa 30 minuti, continuando a mescolare.Non serve altro per fare una buona polenta: servitela caldissima, accompagnandola con formaggi, carne, salumi, baccalà.La polenta giusta dovrebbe essere abbastanza densa da "stare su" e permettervi di ricavare delle fette.
Oltre all'uso classico potete fare delle cialde da servire come aperitivo.Prendete la polenta già cotta, la distribuite su un foglio di carta da forno precedentemente unto con un pò di olio, coprite con un altro foglio a con un mattarello la stendete sottile.La passate in forno, sempre coperta con il foglio a 140-160°C, fino a quando non divent…

Rifare le facciate o il tetto della vostra casa con il sughero

Immagine
La possibilità di detrarre dall’Irpef il 55% della spesa sostenuta per la riqualificazione energetica dell’involucro degli edifici equivale a uno sconto netto sul costo dell’intervento. I vantaggi si sommano ai risparmi sulle spese energetiche future e al maggior comfort abitativo, che varia in funzione delle tecniche e dei materiali isolanti utilizzati.
Rifare le facciate o il tetto della vostra casa vi permetterà di risparmiare il 55% dei costi sostenuti. L'odiosa bolletta del riscaldamento sarà inoltre più leggera considerati i continui aumenti del costo dei combustibili. Cosa ancora più importante è che otterrete una casa confortevole calda d’inverno e fresca d’estate.
Quali sono gli interventi detraibili?

Potrete detrarre dall’IRPEF costi fino a 60.000 Euro per lavori d’isolamento termico inerenti a:
Pareti esterneTetti e Coperture
Pavimenti e Portici
Scritto da iCase.it

Nuova Fan Page ufficiale iCase.it

Immagine
Avviso importante per i nostri amici Facebook!

A breve verrà rimosso il vecchio profilo di iCase.it
e verrà sostituito con la nuova Fan Page ufficiale ancora più  ricca di contenuti ed informazioni.

Tutti gli amici interessati potranno continuare a seguirci cliccando MI PIACE su questa pagina:
https://www.facebook.com/pages/iCaseit/359750834111389?fref=ts

Suggerimenti utili per scrivere un annuncio immobiliare che convinca e aiuti a vendere

Immagine
A Cosa Serve un Annuncio Immobiliare
A differenza di altri annunci di vendita, una inserzione immobiliare non serve a vendere una casa direttamente online ma ad ottenere un contatto da parte di un probabile acquirente, quindi il messaggio deve incuriosire, attirare l'attenzione, essere interessante e spingere il lettore a contattare l'inserzionista.

La Convinzione
Per convincere qualcuno devi essere convinto prima di tutto Tu della bontà di ciò che vendi, in modo da poter trasmettere positività, prima per iscritto, poi al telefono ed infine di persona in successivi contatti o incontri.

Scrivi in Italiano Corretto
E' importante nel testo dell'inserzione non commettere errori o "orrori" di ortografia, che possono capitare a chiunque per errore di battitura o distrazione, è bene quindi rileggere con attenzione il testo prima di pubblicarlo e magari usare anche un correttore ortografico automatico.

Esprimiti in Modo Chiaro e Semplice
il messaggio deve essere indirizzato…

Una casa ecologica d’avanguardia

Immagine
Michael e Dorothy Rea si sono costruiti una casa ecologica d’avanguardia nell’isola britannica di Unst, una terra brulla, senza alberi e spazzata dal vento. Hanno speso circa 260mila euro e ne sono entusiasti.
L’idea di costruire in modo ecologico venne ai Rea nel ’92, dopo che una violentissima tempesta aveva danneggiato in modo molto grave l’edificio. Dovendo abbatterlo e ricostruirlo da zero, decisero di partire dal modello più efficiente di casa prefabbricata disponibile sul mercato e si rivolsero alla Scotframe. Chiesero anche una consulenza per poter accedere ai finanziamenti del Carbon Trust, ma il loro progetto venne rifiutato con la motivazione di essere “troppo innovativo”. Fortunatamente trovarono dei privati interessati a sostenere il loro sogno. Con venti che tirano regolarmente a 160 km/h, l’energia necessaria alla casa, alla serra e alla Toyota Yaris convertita elettrica viene prodotta e conservata da un sistema di ventole eoliche e batterie. La casa dei Reas è stata la p…